Serenissima SGR

Informazioni

N°1

Serenissima Vitruvio

Le strategie di investimento consistono nell'acquisire immobili in posizioni strategiche.

Equity attuale
€ 85 milioni

Val. nom. quota
€ 50.000

informazioni generali

Il regolamento, disponibile nella sezione Documenti ufficiali, è stato approvato dalla Banca d'Italia il 14 giugno 2005, mentre il Prospetto Informativo è stato approvato da Consob il 21 settembre dello stesso anno.

La sollecitazione al pubblico risparmio ha avuto luogo nel periodo 3 ottobre - 28 novembre 2005 e le sottoscrizioni sono state definitivamente chiuse il 9 marzo 2007.

L’operatività del fondo è iniziata dal 1° dicembre 2005.

gli obiettivi

  • Rendimento semestrale pari al 6% annuo
  • Rendimento a scadenza pari all'8% annuo (total return)

Le strategie di investimento consistono nell'acquisire immobili in posizioni strategiche, ben costruiti e locati a conduttori solidi e qualificati che possano assicurare flussi di cassa costanti, accompagnati da una concreta possibilità di incremento del valore immobiliare nel tempo.

Gli investimenti sono stati effettuati prevalentemente nell'area geografica che si estende nelle regioni Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige, potendo sfruttare in tal modo la profonda conoscenza della zona di riferimento.

scheda tecnica

Forma Chiusa, parzialmente ad apporto
Importo massimo € 85 milioni
Valore nominale quota € 50.000
Codice ISIN IT0003937429, Descrizione Breve: VITRUVIO NM
IT0003937403, Descrizione Breve: VITRUVIO PT
Politiche di gestione Prevalentemente nei segmenti terziario, direzionale, commerciale e servizi.
Distribuzione dei proventi Distribuzione semestrale dei proventi di gestione
Rendimenti obiettivo 6% annuo, 8% annuale di T.I.R. alla scadenza
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement / offerta pubblica
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Orizzonte temporale di lungo periodo oltre alla ciclicità del mercato immobiliare
Global coordinator Barclays Capital
Valutatore indipendente Prelios Valuations & e-Services S.p.A.
Intermediario finanziario Avalon Real Estate S.p.A.

Governance

Assemblea dei partecipanti

Hanno diritto di intervenire all’Assemblea dei Partecipanti al Fondo coloro che risultino essere titolari delle quote del Fondo al momento dell’invio dell’avviso di convocazione.
L’Assemblea dei Partecipanti al Fondo delibera:

1. sulla sostituzione della società di gestione del risparmio,
2. sulla richiesta di ammissione a quotazione delle quote del Fondo,
3. sulle modifiche delle politiche di gestione del Fondo,
4. sulle altre materie previste inderogabilmente dalle relative disposizioni normative,
5. sulla nomina di tutti i membri del Comitato Consultivo
6. sulle modifiche al regolamento interno dell’Assemblea.

Le deliberazioni dell’Assemblea dei Partecipanti al Fondo sono approvate con il voto favorevole dei Partecipanti che rappresentano almeno il 30% (trenta percento) delle quote emesse.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è costituito da 4 (quattro) membri, tutti nominati dall’assemblea dei partecipanti al Fondo. I componenti del Comitato Consultivo sono scelti fra persone di riconosciuta esperienza, competenza e specializzazione in ambito finanziario, immobiliare, economico e/o giuridico. I membri del Comitato Consultivo restano in carica fino alla perdita del requisito di indipendenza o alle dimissioni degli stessi.
Il Comitato Consultivo esprime pareri motivati in ordine:

1. alle proposte di investimento e/o disinvestimento del Fondo;
2. alle proposte di investimento delle disponibilità del Fondo in interventi di valorizzazione, risanamento, ristrutturazione, riconversione o restauro di beni immobili che comportino una spesa a carico del Fondo per un ammontare complessivo superiore ad Euro 1.500.000,00 (un milione cinquecentomila/00) e che non siano già state oggetto di precedenti pareri;
3. agli atti e/o operazioni e/o rapporti e/o contratti in cui si ravvisino situazioni di conflitto di interesse anche solo potenziale;
4. alle proposte di modifica di cui al punto 16.4. del Regolamento;
5. alle ulteriori materie in relazione alle quali il CdA abbia richiesto il suo parere;
6. alla nomina del Presidente del Comitato Consultivo;
7. all’approvazione e modifica del regolamento interno del Comitato Consultivo.

I pareri resi dal Comitato Consultivo non sono vincolanti per il CdA.

Informazioni

N°2

Serenissima Logistica

L'attivo del Fondo è costituito prevalentemente da terreni edificabili dedicati alla logistica integrata e da insediamenti edificati secondo le più moderne esigenze distributive e ubicati in località omogenee con le indicazioni contenute nel piano della logistica nazionale.

Equity attuale
€ 51 milioni

Val. nom. quota
€ 1 milione

informazioni generali

Il regolamento è stato approvato dalla Banca d'Italia il 26 gennaio 2007.
L'inizio di operatività del Fondo porta la data del 12 novembre di quell’anno, mentre le sottoscrizioni sono state definitivamente chiuse il 26 luglio 2008.

gli obiettivi

  • Rendimento annuale pari al 10%
  • Rendimento a scadenza pari al 15% annuo (total return)

L'attivo del Fondo è costituito prevalentemente da terreni edificabili dedicati alla logistica integrata e da insediamenti edificati secondo le più moderne esigenze distributive e ubicati in località omogenee con le indicazioni contenute nel piano della logistica nazionale.
Il Fondo potrà inoltre compiere operazioni di ristrutturazione e restauro di specifici immobili. Il Fondo investe prevalentemente in Italia e, se all'estero, prevalentemente nei Paesi appartenenti all'Unione Europea e limitrofi, oltre a quelli affacciati sul Mar Mediterraneo.

scheda tecnica

Forma Chiusa
Importo massimo € 51 milioni
Valore nominale quota € 1.000.000
Codice ISIN IT0004197973, Descrizione Breve: LOGISTICA NM
IT0004197973, Descrizione Breve: LOGISTICA PT
Politiche di gestione L’attivo del Fondo potrà essere costituito da terreni edificabili dedicati alla logistica integrata, ubicati prevalentemente in Italia e, se all'estero, prevalentemente in Paesi appartenenti all'Unione
Distribuzione dei proventi Determinata dal Consiglio di Amministrazione
Rendimenti obiettivo 10% annuale, 15% annuale di T.I.R. alla scadenza
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Orizzonte temporale di lungo periodo oltre alla ciclicità del mercato immobiliare
Valutatore indipendente REAG S.p.A.

Governance

Assemblea dei partecipanti

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Partecipanti tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo da almeno 5 (cinque) giorni prima della data in cui si riunisce l’assemblea. Le quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’assemblea.
L’Assemblea dei Partecipanti delibera sulle seguenti materie:

1. sostituzione della società di gestione del risparmio,
2. richiesta di ammissione a quotazione delle quote del Fondo,
3. modifiche delle politiche di gestione del Fondo,
4. altre materie previste inderogabilmente dalle relative disposizioni normative,
5. nomina e revoca del Presidente e del Segretario,
6. nomina dei membri del Comitato Consultivo, nonché
7. modifiche al regolamento interno.

L’Assemblea dei Partecipanti delibera validamente con il voto favorevole del 50% (cinquanta percento) più una quota degli intervenuti in assemblea. Il quorum deliberativo non potrà in ogni caso essere inferiore al 30% (trenta percento) del valore delle quote in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 5 (cinque) membri, tutti nominati dall’Assemblea dei Partecipanti. I componenti del Comitato Consultivo sono scelti fra persone di riconosciuta esperienza, competenza e specializzazione in ambito finanziario, immobiliare, economico e giuridico che presentino i requisiti di indipendenza previsti per gli amministratori indipendenti dal Protocollo di Autonomia per le società di gestione del risparmio predisposto da Assogestioni nei confronti della SGR e del suo gruppo di appartenenza.
I membri del Comitato Consultivo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili.
Il Comitato Consultivo esprime il proprio parere

1. su qualunque operazione di investimento e/o disinvestimento del Fondo;
2. sulle operazioni con i Soggetti in Conflitto di Interesse;
3. sulle proposte di rinnovo ovvero revoca del mandato conferito agli Esperti Indipendenti ed sui relativi termini e condizioni;
4. su altre materie rilevanti per la gestione del Fondo su richiesta del CdA;
5. sul conferimento del mandato ai soggetti incaricati della gestione amministrativa, della manutenzione, della ristrutturazione e dello sviluppo dei beni di pertinenza del Fondo.

I pareri resi dal Comitato Consultivo non sono vincolanti per la SGR e non comportano alcun esonero o limitazione di responsabilità del CdA in merito alle scelte adottate, dovendo quest’ultimo però giustificare in sede di formalizzazione della propria deliberazione i motivi del proprio diverso parere.

Informazioni

N°3

Sansovino

L’attivo del Fondo è costituito da immobili, anche da sviluppare, o da valorizzare in attività di trading, aventi destinazione commerciale, residenziale, direzionale, alberghiera, industriale/servizi, infrastrutturale.

Equity attuale
€ 165,5 milioni

Val. nom. quota
€ 500.000

informazioni generali

Il regolamento del fondo è stato approvato dalla Banca d'Italia il 25 febbraio 2009. È operativo dal 3 maggio 2010.

gli obiettivi

  • Rendimento a scadenza pari al 13% annuo (total return).

L’attivo del Fondo è costituito da immobili, anche da sviluppare, o da valorizzare in attività di trading, aventi destinazione commerciale, residenziale, direzionale, alberghiera, industriale/servizi, infrastrutturale. Gli attivi, una volta ultimati, saranno preferibilmente dismessi. Il portafoglio immobiliare del Fondo, quindi, potrà essere composto anche da investimenti a “sviluppo” per i quali è prevista la rivendita durante la vita del Fondo e da attivi immobiliari destinati al “trading”. Il Fondo potrà altresì porre in essere interventi di valorizzazione, risanamento, riconversione e restauro di beni immobili. Il Fondo può investire anche in partecipazioni di controllo o di minoranza in società immobiliari e può altresì investire in strumenti finanziari con un contenuto profilo di rischio e caratteristiche di rapida e sicura liquidabilità.

scheda tecnica

Forma Chiusa
Importo massimo € 110 milioni
Valore nominale quota € 500.000
Codice ISIN IT0004474513, Descrizione Breve: SANSOVINO NM
IT0004474505, Descrizione Breve: SANSOVINO PT
Politiche di gestione L’attivo del Fondo potrà essere costituito da immobili, anche da sviluppare / completare / ristrutturare / riqualificare e/o da valorizzare in attività di trading, aventi destinazione commerciale, residenziale, direzionale, alberghiera, industriale / servizi, infrastrutturale, ecc. Gli attivi, una volta ultimati, saranno preferibilmente dismessi. Il portafoglio immobiliare del Fondo, quindi, potrà essere composto anche da investimenti a “sviluppo” per i quali è prevista la rivendita durante la vita del Fondo e da attivi immobiliari destinati al “trading”. Il Fondo potrà altresì porre in essere interventi di valorizzazione, risanamento, riconversione e restauro di beni immobili. Il Fondo può investire anche in partecipazioni di controllo o di minoranza in società immobiliari e può altresì investire in strumenti finanziari con un contenuto profilo di rischio e caratteristiche di rapida e sicura liquidabilità.
Distribuzione dei proventi Determinata dal Consiglio di Amministrazione
Rendimenti obiettivo 13% annuale di T.I.R. alla scadenza
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi orizzonte temporale di lungo periodo, rischio imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente Axia RE S.p.A.

Governance

Assemblea dei partecipanti

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Partecipanti tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo da almeno 5 (cinque) giorni prima della data in cui si riunisce l’assemblea. Le quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’assemblea.
L’Assemblea dei Partecipanti delibera sulle seguenti materie:

1. sostituzione della Società di Gestione;
2. modifiche regolamentari riguardanti lo scopo, le caratteristiche e le politiche di gestione del Fondo;
3. nomina e revoca del Presidente dell’Assemblea dei Partecipanti nonché del segretario che cura la verbalizzazione delle adunanze;
4. messa in liquidazione in via anticipata del Fondo;
5. proroga della durata del Fondo.

L’Assemblea dei Partecipanti delibera validamente con il voto favorevole del 50% (cinquanta percento) più una quota degli intervenuti in assemblea, fatta eccezione delle materie di cui al precedente punto 5 con riferimento alle quali le delibere saranno validamente assunte se adottate con il voto favorevole di uno o più partecipanti che rappresentino il 70% (settanta percento) del valore complessivo patrimonio del Fondo sottoscritto e versato. Il quorum deliberativo non potrà in ogni caso essere inferiore al 30% (trenta percento) del valore delle quote in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 5 (cinque) membri, di cui:

- 2 (due), tra cui il Presidente, nominati dal titolare delle Quote B;
- 3 (tre) nominati dagli altri quotisti, d'intesa tra loro o, in mancanza di accordo, in numero pari a 2 (due) dal maggiore fra detti quotisti e in numero pari a 1 (uno) dal secondo maggiore quotista. In caso di parità di diritto si procede per sorteggio.

I componenti del Comitato Consultivo sono scelti fra persone di riconosciuta esperienza, competenza e specializzazione in ambito finanziario, immobiliare, economico e/o giuridico.
I membri del Comitato Consultivo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili. Il Comitato Consultivo esprime il proprio parere vincolante sulle operazioni in conflitto di interessi, anche potenziale, tra il Fondo, i suoi partecipanti, la SGR e i Soggetti in Conflitto di Interesse.

Informazioni

N°4

Goethe

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura.

Equity attuale
€ 167 milioni

Val. nom. quota
€ 500.000

informazioni generali

Il regolamento del fondo è stato approvato dalla Banca d'Italia il 1° aprile 2010 ed è operativo dal 1° luglio 2010. Il CdA, in data 15 novembre 2013, ha approvato la fusione per incorporazione nel Fondo di “Agathos – Fondo Comune di Investimento Immobiliare con apporti in natura riservato a sottoscrittori qualificati” anch’esso gestito dalla SGR, che ha contestualmente modificato il Regolamento stesso al fine di tenere conto della Fusione medesima. Le predette modifiche al Regolamento e la Fusione sono stati approvati dall’Assemblea dei Partecipanti del Fondo Goethe e dall’Assemblea dei Sottoscrittori del Fondo Agathos in data 18 dicembre 2013.

gli obiettivi

  • Rendimento obiettivo a scadenza del Fondo pari al 15% (total return).

l Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo terziario, commerciale, direzionale, servizi, infrastrutturale, ricettivo, assistenziale e sanitario, alberghiero, turistico, residenziale, siano essi a reddito o da sviluppare o da completare/ristrutturare/riqualificare ovvero ancora da valorizzare in attività di trading.

scheda tecnica

Forma Chiuso, riservato
Importo massimo € 167 milioni
Valore nominale quota € 500.000
Codice ISIN IT0004620297, Descrizione Breve: GOETHE /NMIT0004620289, Descrizione Breve: GOETHE /PT
Politiche di gestione FONDI_GOETHE_POLITICHE1
  • Investire le risorse del Fondo in terreni e nelle aree ad essi pertinenziali, ai sensi della normativa applicabile, al fine anche di provvedere alla loro edificazione;
  • Compiere operazioni di ristrutturazione, restauro e manutenzione ordinaria o straordinaria di specifici immobili o proprietà del Fondo finalizzate al miglioramento della redditività d’impiego nonché compiere specifiche operazioni di valorizzazione e/o riconversione dei beni, per tali intendendosi anche il mutamento della destinazione d’uso e il frazionamento.
Distribuzione dei proventi Determinata dal Consiglio di Amministrazione, in funzione delle previsioni reddituali del Fondo, dell’interesse dei partecipanti e degli eventuali utili pregressi. I Proventi potranno essere distribuiti con cadenza annuale.
Rendimenti obiettivo 15%
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement. Attualmente il fondo è chiuso.
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Rischio imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare o di trading, ciclicità del mercato immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente Scenari Immobiliari S.r.l.

Governance

Assemblea dei partecipanti

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Partecipanti tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo da almeno 5 (cinque) giorni prima della data in cui si riunisce l’assemblea. Le quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’assemblea.
L’Assemblea dei Partecipanti delibera sulle seguenti materie:

1. sostituzione della Società di Gestione ai sensi dell’ articolo 17 del Regolamento;
2. modifiche regolamentari riguardanti lo scopo, le caratteristiche e le politiche di gestione del Fondo;
3. nomina e revoca del Presidente dell’Assemblea dei Partecipanti nonché del segretario che cura la verbalizzazione delle adunanze;
4. nomina dei componenti del Comitato Consultivo e sostituzione degli stessi a seguito di dimissioni;
5. fusione o scissione del Fondo;
6. messa in liquidazione in via anticipata del Fondo.

L’Assemblea dei Partecipanti delibera validamente con il voto favorevole del 50% (cinquanta percento) più una quota degli intervenuti in assemblea, fatta eccezione della materia di cui al precedente punto 6 con riferimento alla quale le delibere saranno validamente assunte se adottate con il voto favorevole di uno o più partecipanti che rappresentino il 75% (settantacinque percento) delle quote emesse. Il quorum deliberativo non potrà in ogni caso essere inferiore al 30% (trenta percento) del valore delle quote in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 3 (tre) membri, tutti nominati dall’Assemblea dei Partecipanti. I componenti del Comitato Consultivo sono scelti fra persone di riconosciuta esperienza, competenza e specializzazione in ambito finanziario, immobiliare, economico e/o giuridico.
I membri del Comitato Consultivo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili.
Il Comitato Consultivo esprime il proprio parere:

1. sulle operazioni in conflitto di interessi, anche potenziale, tra il Fondo, i suoi partecipanti, la SGR e i Soggetti in Conflitto di Interesse;
2. su altre materie rilevanti per la gestione del Fondo su richiesta del CdA.

I pareri resi dal Comitato Consultivo sono obbligatori ma non vincolanti per la SGR.

Informazioni

N°5

Wiligelmo D. M.

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente commerciale e terziario.

Equity attuale
€ 81,9 milioni

Val. nom. quota
€ 100.000

informazioni generali

Il regolamento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 novembre 2012. L’operatività del fondo è iniziata il 13 dicembre 2012.

gli obiettivi

  • Rendimento obiettivo alla scadenza pari al 6,75% annuo (total return).

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente commerciale e terziario, da commercializzare o detenere quale investimento a reddito ed in via residuale da sviluppare e/o completare/ristrutturare/riqualificare, da valorizzare in attività di trading.

scheda tecnica

Forma Chiusa
Importo massimo € 150 milioni
Valore nominale quota € 100.000
Codice ISIN IT0004884711, Descrizione Breve: WILIGELMO DM FC/DIS NM
ISIN al portatore non presente
Politiche di gestione Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente commerciale e terziario, da commercializzare o detenere quale investimento a reddito e, da sviluppare e/o completare/ristrutturare/riqualificare, da valorizzare in attività di trading.
Distribuzione dei proventi Determinata dal Consiglio di Amministrazione, con cadenza semestrale
Rendimenti obiettivo 6,75%
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Rischio imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente Colliers Real Estate Italia S.r.l.

Governance

Assemblea dei sottoscrittori

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Sottoscrittori tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo da almeno 5 giorni prima della data in cui si riunisce l’Assemblea. Le quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’Assemblea.
L’Assemblea dei Sottoscrittori potrà deliberare e il suo parere sarà vincolante per la SGR sui seguenti temi:

1. sostituzione della SGR secondo quanto previsto nell’articolo 13.2.del Regolamento;
2. prolungamento della durata del Fondo;
3. modifica delle politiche di gestione, richiesta di ammissione a quotazione dei certificati rappresentativi delle quote del Fondo in un mercato regolamentato e modifiche al Regolamento diverse dalla sostituzione della SGR;
4. nomina dei membri del Comitato di Controllo e determinazione dei relativi eventuali compensi;
5. liquidazione anticipata del Fondo.

L’Assemblea dei Sottoscrittori delibera sui temi di cui ai pretendenti punti 2, 3 su proposta del CdA. Tutte le deliberazioni dell’Assemblea dei Sottoscrittori dovranno ricevere l’approvazione di tanti sottoscrittori che rappresentino almeno il 51% del valore delle quote in circolazione.

Comitato di Controllo

Il Comitato di Controllo che è composto da 3 (tre) membri, tutti nominati dall'Assemblea dei Sottoscrittori al Fondo.

I membri del Comitato di Controllo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all'ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato di Controllo sono rieleggibili. Il Comitato di Controllo elegge tra i suoi membri un Presidente.

Il Comitato di Controllo esprime il proprio parere vincolante sulle operazioni in conflitto di interesse anche solo potenziale.

Informazioni

N°6

Xenia

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo aventi destinazione di utilizzo turistico alberghiero, da commercializzare o detenere quale investimento a reddito, da sviluppare, ristrutturare, riqualificare, da valorizzare in attività di trading.

Equity attuale
€ 28 milioni

Val. nom. quota
€ 200.000

informazioni generali

Il regolamento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione il 12 marzo 2013. L’operatività del fondo è iniziata il 30 aprile 2013.

gli obiettivi

  • Rendimento obiettivo alla scadenza pari al 5,75% annuo (total return).

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente turistico alberghiero, da commercializzare o detenere quale investimento a reddito, da sviluppare e/o completare/ristrutturare/riqualificare, da valorizzare in attività di trading.

scheda tecnica

Forma Chiusa
Importo massimo € 100 milioni
Valore nominale quota € 200.000
Codice ISIN IT0004920028, Descrizione Breve: XENIA/CL A DIS NM RIS
IT0004920036, Descrizione Breve: XENIA/CL B DIS NM RIS
Politiche di gestione Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente turistico alberghiero, da commercializzare o detenere quale investimento a reddito, da sviluppare e/o completare/ristrutturare/riqualificare, da valorizzare in attività di trading
Distribuzione dei proventi Determinata dal Consiglio di Amministrazione, con cadenza annuale
Rendimenti obiettivo 5,75%
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Rischio imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili. Ciclicità del mercato, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili a reddito, andamento del mercato turistico della zona, delle presenze stagionali e dei tassi di occupazione delle strutture ricettive.
Valutatore indipendente Scenari Immobiliari S.r.l.

Governance

Assemblea dei sottoscrittori

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Partecipanti tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo da almeno 15 giorni prima della data in cui si riunisce l’Assemblea. Le quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’Assemblea.
L’Assemblea dei Sottoscrittori potrà deliberare e il suo parere sarà vincolante per la SGR sui seguenti temi:

1. sostituzione della SGR secondo quanto previsto nell’articolo 13.2.del Regolamento;
2. prolungamento della durata del Fondo;
3. modifica delle politiche di gestione, richiesta di ammissione a quotazione dei certificati rappresentativi delle quote del Fondo in un mercato regolamentato e modifiche al Regolamento diverse dalla sostituzione della SGR;
4. nomina dei membri del Comitato di Controllo e determinazione dei relativi eventuali compensi ai sensi dell’articolo 12.2.del Regolamento;
5. liquidazione anticipata del Fondo.

L’Assemblea dei Sottoscrittori delibera sui temi di cui ai precedenti punti 2, 3 su proposta del CdA.
Tutte le deliberazioni dell’Assemblea dei Sottoscrittori dovranno ricevere l’approvazione di tanti sottoscrittori che rappresentino almeno il 51% del valore delle quote in circolazione, facendo eccezione la deliberazione inerente il tema della sostituzione della Sgr di cui al punto 1 per la quale il quorum deliberativo è innalzato al 75% del valore delle quote in circolazione.

Comitato di Controllo

Il Comitato di Controllo è composto da un minimo di 3 (tre) ad un massimo di 5 (cinque) membri nominati dall’Assemblea dei Sottoscrittori. I membri del Comitato di Controllo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato di Controllo sono rieleggibili.
Il Comitato di Controllo esprime il proprio parere sulle operazioni in conflitto di interessi anche solo potenziale; nell’ambito di tali operazioni sono ricomprese anche quelle di cui agli articoli 9.8, 9.10 e 10.1.del Regolamento.
In materia di operazioni in conflitto di interesse, i pareri del Comitato di Controllo sono di natura vincolante per il CdA.

Informazioni

N°7

Florence

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura, aventi destinazione di utilizzo terziario, commerciale, direzionale, logistico, turistico alberghiero, residenziale/abitativo, ivi incluse le residenze sanitarie assistenziali sia a sviluppo che a reddito ovvero da valorizzare in attività di trading.

Equity attuale
€ 216,9 milioni

Val. nom. quota
€ 100.000

informazioni generali

Il fondo Florence è stato istituito mediante fusione per unione dei fondi “Athena – Fondo Comune di Investimento Immobiliare di tipo chiuso” e “Moro Real Estate- Fondo comune di investimento immobiliare riservato a investitori qualificati”, entrambi gestiti dalla SGR, con delibera del Consiglio di Amministrazione del 15 novembre 2013, che ha contestualmente adottato il Regolamento di gestione. Il Regolamento e la Fusione sono stati approvati dall’Assemblea dei Sottoscrittori del Fondo Athena da quella del Fondo MORO R.E. in data 26.11.2013.

gli obiettivi

  • Rendimento obiettivo a scadenza del Fondo pari al 6,5% (total return).

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura, aventi destinazione di utilizzo terziario, commerciale, direzionale, logistico, turistico alberghiero, residenziale/abitativo, ivi incluse le residenze sanitarie assistenziali sia a sviluppo che a reddito ovvero da valorizzare in attività di trading.

scheda tecnica

Forma Chiuso, riservato
Importo massimo € 200 milioni - Il fondo potrà raccogliere ulteriori sottoscrizioni sino ad un massimo di € 300 milioni
Valore nominale quota € 100.000
Codice ISIN IT0004983851, Descrizione Breve: FLORENCE DIS NM RISERVATO
Politiche di gestione Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura, aventi destinazione di utilizzo terziario, commerciale, direzionale, logistico, turistico alberghiero, residenziale/abitativo, ivi incluse le residenze sanitarie assistenziali sia a sviluppo che a reddito ovvero da valorizzare in attività di trading. In tale ambito il Fondo potrà investire i capitali nell’acquisizione, strutturazione e realizzazione di immobili/iniziative immobiliari conformi alla normativa in tema di Housing Sociale.
Distribuzione dei proventi Determinata dal Consiglio di Amministrazione, in funzione delle previsioni reddituali del Fondo, dell’interesse dei partecipanti e degli eventuali utili pregressi. I Proventi potranno essere distribuiti con cadenza annuale.
Rendimenti obiettivo 6,5%
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement. E’ prevista la sottoscrizione di nuove quote del fondo entro 24 mesi a decorrere dalla data di approvazione del Regolamento.
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Rischio imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare o di trading, ciclicità del mercato immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente Avalon Real Estate S.p.A.

Governance

Assemblea dei sottoscrittori

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Sottoscrittori tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo da almeno 15 (quindici) giorni prima della data in cui si riunisce l’assemblea. Le quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’assemblea.
L’Assemblea dei Sottoscrittori potrà deliberare e il suo parere sarà vincolante per la SGR sui seguenti temi:

1. sostituzione della SGR quale gestore del Fondo e nomina della nuova società di gestione secondo quanto previsto nell’articolo 13.2.del Regolamento;
2. prolungamento della durata del Fondo ai sensi dell’articolo 2.2 del Regolamento;
3. modifica delle politiche di gestione, richiesta di ammissione a quotazione dei certificati rappresentativi delle quote del Fondo in un mercato regolamentato e ogni altra modifica al Regolamento diverse dalla sostituzione della SGR e da quelle di cui all’articolo 24.2 del Regolamento stesso;
4. nomina dei membri del Comitato di Controllo e determinazione dei relativi eventuali compensi ai sensi dell’articolo 12.2. del Regolamento;
5. operazioni di fusione e/o scissione del Fondo;
6. liquidazione anticipata del Fondo.

L’Assemblea dei Sottoscrittori delibera sui temi di cui ai precedenti punti 2, 3, e 5. su proposta del CdA. Tutte le deliberazioni dell’Assemblea dei Sottoscrittori dovranno ricevere l’approvazione di tanti sottoscrittori che rappresentino almeno il 51% (cinquantuno percento) del valore delle quote in circolazione.

Comitato di Controllo

Il Comitato di Controllo è composto da un minimo di 3 (tre) ad un massimo di 5 (cinque) membri di cui 1 (uno) indicato dalla SGR in possesso di comprovata esperienza e competenza nel settore immobiliare ed i restanti membri dall’Assemblea dei Sottoscrittori.
I membri del Comitato di Controllo restano in carica per 3 (tre) esercizi e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato di Controllo sono rieleggibili.
Il Comitato di Controllo esprime il proprio parere sulle operazioni in conflitto di interessi anche solo potenziale; nell’ambito di tali operazioni sono ricomprese anche quelle di cui agli articoli 9.8. e 10.1. del Regolamento.In materia di operazioni in conflitto di interesse, i pareri del Comitato di Controllo sono di natura vincolante per il CdA.

Informazioni

N°8

Nicher R.E.

È un fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso riservato ad investitori istituzionali e qualificati.

Equity attuale
€ 150 milioni

Val. nom. quota
€ 25.000

informazioni generali

Il fondo Nicher RE è un fondo chiuso ad apporto riservato ad investitori qualificati e può investire: in beni immobili a carattere residenziale, direzionale, commerciale, ricettivo, logistico, industriale, assistenziale e sanitario; in terreni edificabili e non edificabili; in diritti reali di godimento di beni immobili; in quote di O.I.C.R. che investano prevalentemente in immobili; in quote o azioni di società immobiliari, sia quotate sui mercati regolamentati sia non quotate, fermo il limite del 10 % delle proprie attività in società immobiliari che prevedano nel proprio oggetto sociale la possibilità di svolgere attività di costruzione.

gli obiettivi

L’attivo del Fondo potrà essere costituito da immobili, anche da sviluppare, completare, ristrutturare, riqualificare e/o da valorizzare in attività di trading, aventi destinazione commerciale, residenziale, direzionale, alberghiera, industriale/servizi, infrastrutturale, ecc. Gli attivi, una volta ultimati, saranno preferibilmente dismessi. Il portafoglio immobiliare del Fondo, quindi, potrà essere composto anche da investimenti a “sviluppo” per i quali è prevista la rivendita durante la vita del Fondo e da attivi immobiliari destinati al “trading”. Il Fondo potrà altresì porre in essere interventi di valorizzazione, risanamento, riconversione e restauro di beni immobili.

scheda tecnica

Forma Chiuso, riservato.
Importo massimo € 150 milioni (interamente sottoscritti)
Valore nominale quota € 25.000
Codice ISIN IT0003867790, Descrizione Breve: NICHER REAL ESTATE PORTATORE; IT0003867808 Descrizione Breve: NICHER REAL ESTATE NOMINATIVO.
Politiche di gestione Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura, aventi destinazione di utilizzo residenziale, direzionale, commerciale, ricettivo, logistico, industriale, assistenziale e sanitario, oltre che in terreni edificabili e non edificabili. Inoltre, il Fondo può investire in diritti reali di godimento di beni immobili, in quote di O.i.c.r. che investano prevalentemente in immobili, in quote o azioni di società immobiliari, sia quotate su mercati regolamentati sia non quotate, fermo il limite del 10 per cento delle proprie attività in società immobiliari che prevedano nel proprio oggetto sociale la possibilità di svolgere attività di costruzione.
Distribuzione dei proventi Non è prevista la distribuzione dei proventi.
Rendimenti obiettivo n.p.
Investitori Qualificati.
Collocamento Chiuso.
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente.
Rischi Rischio imprenditoriale di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare, ciclicità del mercato immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente CB Richard Ellis

Governance

Informazioni

N°9

Oplon

È un fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso riservato ad investitori istituzionali e qualificati.

Equity attuale
€ 5,7 milioni

Val. nom. quota
€ 100.000

informazioni generali

Il regolamento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione il 30 giugno 2015. L’operatività del fondo è iniziata il 1 luglio 2015.

gli obiettivi

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente residenziale e turistico alberghiero, da commercializzare, da sviluppare e/o completare/ristrutturare/riqualificare, da valorizzare in attività di trading.

scheda tecnica

Forma Chiusa.
Importo massimo € 150 milioni (interamente sottoscritti)
Valore nominale quota € 100.000
Codice ISIN IT0005092058, Descrizione Breve: OPLON/CL A DIS NM; IT0005092074 Descrizione Breve: OPLON/CL B DIS NM.
Politiche di gestione Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente residenziale e turistico alberghiero, da commercializzare, da sviluppare e/o completare/ristrutturare/riqualificare, da valorizzare in attività di trading.
Distribuzione dei proventi Determinata dal Consiglio di Amministrazione, con cadenza semestrale.
Rendimenti obiettivo n.d.
Investitori Istituzionali e qualificati.
Collocamento Private placement.
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente.
Rischi Rischio imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili. Ciclicità del mercato, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili a reddito, andamento del mercato turistico della zona, delle presenze stagionali e dei tassi di occupazione delle strutture ricettive.
Valutatore indipendente EC Harris Italia S.r.l.

Governance

Assemblea dei sottoscrittori

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Partecipanti tutti coloro i quali risultino titolari delle quote del Fondo da almeno 15 giorni prima della data in cui si riunisce l’Assemblea. Le quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’Assemblea.
L’Assemblea dei Sottoscrittori potrà deliberare e il suo parere sarà vincolante per la SGR sui seguenti temi:

1. sostituzione della SGR secondo quanto previsto nell’articolo 13.2.del Regolamento;
2. prolungamento della durata del Fondo;
3. modifica delle politiche di gestione, richiesta di ammissione a quotazione dei certificati rappresentativi delle quote del Fondo in un mercato regolamentato e modifiche al Regolamento diverse dalla sostituzione della SGR;
4. nomina dei membri del Comitato di Controllo e determinazione dei relativi eventuali compensi ai sensi dell’articolo 12.2.del Regolamento;
5. liquidazione anticipata del Fondo.

L’Assemblea dei Sottoscrittori delibera sui temi di cui ai precedenti punti 2, 3 su proposta del CdA.
Tutte le deliberazioni dell’Assemblea dei Sottoscrittori dovranno ricevere l’approvazione di tanti sottoscrittori che rappresentino almeno il 51% del valore delle quote in circolazione, facendo eccezione la deliberazione inerente il tema della sostituzione della Sgr di cui al punto 1 per la quale il quorum deliberativo è innalzato al 75% del valore delle quote in circolazione.

Comitato di Controllo

Il Comitato di Controllo è composto da un minimo di 3 (tre) ad un massimo di 5 (cinque) membri nominati dall’Assemblea dei Sottoscrittori. I membri del Comitato di Controllo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato di Controllo sono rieleggibili.
Il Comitato di Controllo esprime il proprio parere sulle operazioni in conflitto di interessi anche solo potenziale; nell’ambito di tali operazioni sono ricomprese anche quelle di cui agli articoli 9.8, 9.10 e 10.1.del Regolamento.
In materia di operazioni in conflitto di interesse, i pareri del Comitato di Controllo sono di natura vincolante per il CdA.

Informazioni

N°10

Realest I

Il Fondo RealEst I è stato istituito ai sensi del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n.58, con delibera del consiglio di amministrazione del 6 maggio 2004 che ha contestualmente approvato il regolamento.

Equity attuale
€ 72,5 milioni

Val. nom. quota
€ 250.000

informazioni generali

Il fondo investe in beni immobili ad uso direzionale e commerciale, alberghieri, fabbricati e terreni industriali, di tipo tecnologico, quali edifici ospitanti attività nel settore sanitario, delle telecomunicazioni, dell’ informatica e dei servizi di terziario avanzato, nonché in immobili urbani, siti nei centri storici, anche a destinazione residenziale.

gli obiettivi

Rendimento obbiettivo a scadenza del Fondo pari a 7% (IRR vita intera del Fondo). Il Fondo, che investe in Italia con preferenza  nel Nord, ha una strategia Value Added / Opportunistic ed è finalizzato alla valorizzazione delle principali iniziative immobiliari e alla relativa commercializzazione mediante vendita frazionata di unità, con prevalente destinazione residenziale e commerciale di supporto.

scheda tecnica

Forma Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso
Importo massimo € 72,5 milioni
Valore nominale quota € 250.000
Codice ISIN IT0003888150-IT0003888143
Politiche di gestione Il Patrimonio del Fondo può essere investito in beni immobili e/o in diritti reali immobiliari che abbiano le seguenti caratteristiche:
- immobili ad uso direzionale e commerciale;
- immobili alberghieri;
- fabbricati e terreni industriali;
- immobili di tipo tecnologico, quali edifici ospitanti attività nel settore sanitario, delle telecomunicazioni, dell’informatica e dei servizi di terziario avanzato;
- immobili urbani, collocati preferibilmente nei centri storici, anche a destinazione residenziale.
Distribuzione dei proventi I Proventi sono distribuiti agli aventi diritto con cadenza tipicamente annuale, comunque in misura complessivamente non inferiore al 50% del loro ammontare su base annuale, fatta salta deliberazione diversa e motivata del Consiglio di Amministrazione
Rendimenti obiettivo Il Fondo si pone un rendimento obiettivo pari al 7%
Investitori Il Fondo è riservato ad investitori professionali e non professionali
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento E’ previsto il ricorso del Fondo all’indebitamento finanziario ai fini della propria operatività sino ad un livello massimo pari a 3, come definito dal Regolamento UE 231/2013.
Rischi Rischi imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente CBRE Valuation S.p.A.

Governance

Assemblea degli investitori

Possono intervenire nell’Assemblea degli Investitori gli Investitori che risultino titolari di Quote da almeno 5 (cinque) giorni prima della data dell’adunanza.
L’Assemblea:

1. elegge e revoca per giusta causa il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
2. delibera sulle proposte di modifiche del Regolamento di cui al paragrafo 17, punto (ii);
3. delibera sulla sostituzione della Società di Gestione ai sensi del paragrafo 4.9;
4. delibera su ogni altro oggetto che venga attribuito alla sua competenza dal regolamentare vigente.

L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta delle Quote degli Investitori intervenuti e, in ogni caso, con il voto favorevole di almeno il 35% (trentacinque per cento) delle Quote.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 3 (tre) a 5 (cinque) membri, nominati dall’Assemblea degli Investitori, che ne determina il numero dei componenti. I membri del Comitato Consultivo sono scelti tra persone di specifica e comprovata competenza nelle materie che sono trattate dal Comitato medesimo, quali, a mero titolo esemplificativo, gli aspetti immobiliari, finanziari, fiscali, economici e legali connessi all’attività del Fondo.In caso di cessazione di un membro del Comitato Consultivo la sua sostituzione avverrà con delibera dell’Assemblea degli Investitori.
Il Comitato Consultivo è chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere, obbligatorio e vincolante, in merito alle operazioni nelle quali la Società di Gestione abbia un interesse in conflitto, anche solo potenziale. Inoltre, su richiesta del consiglio di amministrazione della Società di Gestione il Comitato Consultivo può altresì fornire un parere consultivo non vincolante al consiglio di amministrazione della Società di Gestione su scelte della stessa, diverse da quelle connesse con singole operazioni di investimento.

Informazioni

N°11

Real Green Fund

E’ un fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso e riservato ad investitori qualificati; dispone di un portafoglio sito in Italia, prevalentemente a sviluppo residenziale.

Equity attuale
€ 79,1 milioni

Val. nom. quota
€ 250.000

informazioni generali

E’ un fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso e riservato ad investitori qualificati; dispone di un portafoglio sito in Italia, prevalentemente a sviluppo residenziale.

gli obiettivi

Il Fondo ha una vocazione all'investimento in ambito italiano, focalizzato prevalentemente nello sviluppo residenziale con vendita frazionata. L’attivo del Fondo è costituito da un immobile industriale, attualmente a reddito, e da due complessi immobiliari a destinazione residenziale, per complessivi 280 unità, sui quali si sta portando avanti un’attività di sviluppo e di vendita frazionata. Sull’immobile industriale, raggiunto nel 2016 l’obiettivo della messa a reddito, sarà valutata ed eventualmente perseguita l’opportunità della sua dismissione.

scheda tecnica

Forma Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso
Importo massimo € 75,3 milioni
Valore nominale quota € 250.000
Codice ISIN IT0004239130
Politiche di gestione Il Patrimonio del Fondo può essere investito in beni immobili e/o in diritti reali immobiliari, con varia destinazione, sia residenziale che ad uso terziario, già realizzati in buono stato, da completare o da ristrutturare/restaurare/mantenere o da realizzare ex novo attraverso l’acquisizione di terreni, dotati di concessione edilizia o documentazione equipollente, ovvero in beni immobili riconvertibili a tali usi e/o in diritti reali immobiliari su beni immobili aventi tali caratteristiche.
Distribuzione dei proventi I proventi potranno essere distribuiti annualmente nella misura deliberata dall’Assemblea degli Investitori, comunque complessivamente in misura non inferiore al 10% del loro ammontare annuale.
Rendimenti obiettivo n.d.
Investitori Il Fondo è riservato ad investitori professionali e non professionali
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento E’ previsto il ricorso del Fondo all’indebitamento finanziario ai fini della propria operatività sino ad un livello massimo pari a 3, come definito dal Regolamento UE 231/2013.
Rischi Rischi imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente CBRE Valuation S.p.A.

Governance

Assemblea degli investitori

Possono intervenire nell’Assemblea degli Investitori gli Investitori che risultino titolari di Quote da almeno 5 (cinque) giorni prima della data dell’adunanza.
L’Assemblea:

1. elegge e revoca per giusta causa il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
2. delibera sulle proposte di modifiche del Regolamento di cui al paragrafo 17, punto (ii);
3. delibera sulla sostituzione della Società di Gestione ai sensi del paragrafo 4.10 del regolamento;
4. delibera sulle proposte della Società di Gestione in merito alla distribuzione (sia annuale che infrannuale) dei proventi ai sensi del paragrafo 3.1.2;
5. delibera sulle proposte della Società di Gestione in merito all’eventuale Periodo di Proroga e/o Periodo di Grazia di cui al paragrafo 2.1;
6. delibera sulle proposte della Società di Gestione su ogni altro oggetto che venga attribuito alla sua competenza dal presente Regolamento;
7. delibera sulle proposte della Società di Gestione in ordine al rimborso parziale delle Quote di cui al paragrafo 14;
8. delibera sulle proposte della Società di Gestione sulla liquidazione anticipata del Fondo ai sensi del paragrafo 15.2, approvando il piano di smobilizzo;
9. delibera sulle proposte della Società di Gestione in ordine ad eventuali rimborsi parziali delle Quote in sede di liquidazione ai sensi del paragrafo15.5;
10. delibera sulla proposta di liquidazione anticipata del Fondo pervenuta alla Società di Gestione dalla maggioranza degli Investitori aventi diritto di voto in Assemblea ai sensi del paragrafo 15.4.

L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta delle Quote degli Investitori intervenuti e, in ogni caso, con il voto favorevole di almeno il 35% (trentacinque per cento) del valore di tutte le Quote in circolazione.

Comitato di Controllo

Il Comitato Consultivo è composto da 3 (tre) a 5 (cinque) membri, nominati dal Consiglio di Amministrazione della SGR, che ne determina il numero dei componenti. I membri del Comitato Consultivo sono scelti tra persone di specifica e comprovata competenza nelle materie che sono trattate dal Comitato medesimo, quali, a mero titolo esemplificativo, gli aspetti immobiliari, finanziari, fiscali, economici e legali connessi all’attività del Fondo. In caso di cessazione di un membro del Comitato Consultivo la sua sostituzione avverrà con delibera del Consiglio di Amministrazione della SGR.

I membri del Comitato Consultivo restano in carica per tre anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto della gestione del Fondo relativo all'ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili.

Il Comitato Consultivo è chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere, obbligatorio e vincolante, in merito alle operazioni nelle quali la Società di Gestione abbia un interesse in conflitto. Inoltre, su richiesta del consiglio di amministrazione della Società di Gestione il Comitato Consultivo può altresì fornire un parere consultivo al consiglio di amministrazione della Società di Gestione su scelte della stessa, diverse da quelle connesse con singole operazioni di investimento.

Informazioni

N°12

Real Sequoia

Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso riservato ad investitori istituzionali e persone fisiche.

Equity attuale
€ 27,5 milioni

Val. nom. quota
€ 500.000

informazioni generali

Il fondo investe in immobili a reddito ad uso terziario e in particolare ricettivo, cogliendo anche opportunità di valorizzazione di progettualità a sviluppo da portare a reddito coerenti con l’asset class di riferimento

gli obiettivi

Il Fondo può essere investito, anche indirettamente, in beni immobili con varia destinazione - sia residenziale che ad uso terziario, industriale, commerciale e dirigenziale, nonché turistico e alberghiera già realizzati in buono stato, da completare o da ristrutturare/restaurare/mantenere o da realizzare ex novo attraverso l’acquisizione di terreni, dotati di potenzialità edificatoria, attuale o futura, ovvero in beni immobili riconvertibili a tali usi e/o in diritti reali immobiliari su beni immobili aventi tali caratteristiche. Superficie 22.329 mq

scheda tecnica

Forma Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso speculativo
Importo massimo € 27,5 milioni
Valore nominale quota € 500.000
Codice ISIN Classe A IT0004603103-IT0004603111
Politiche di gestione Il Patrimonio del Fondo può essere investito, anche indirettamente, in beni immobili e/o in diritti reali immobiliari, con varia destinazione - sia residenziale che ad uso terziario, industriale, commerciale e dirigenziale, nonché turistico-alberghiera già realizzati in buono stato, da completare o da ristrutturare/restaurare/mantenere o da realizzare ex novo attraverso l’acquisizione di terreni, dotati di potenzialità edificatoria, attuale o futura, ovvero in beni immobili riconvertibili a tali usi e/o in diritti reali immobiliari su beni immobili aventi tali caratteristiche
Distribuzione dei proventi I Proventi sono distribuiti agli aventi diritto con cadenza tipicamente annuale, comunque in misura complessivamente non inferiore al 60% del loro ammontare su base annuale.
Rendimenti obiettivo Il Fondo si pone un rendimento obiettivo pari al 7%
Investitori Il Fondo è riservato ad investitori professionali e non professionali
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento E’ previsto il ricorso del Fondo all’indebitamento finanziario ai fini della propria operatività sino ad un livello massimo pari a 3, come definito dal Regolamento UE 231/2013.
Rischi Rischi imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente Re Valuta S.p.A.

Governance

Assemblea degli investitori

Possono intervenire nell’Assemblea degli Investitori gli Investitori che risultino titolari di Quote da almeno 5 (cinque) giorni prima della data dell’adunanza.
L’Assemblea:

1. elegge il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
2. revoca, per giusta causa, il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
3. delibera sulle proposte di modifiche del Regolamento di cui all’articolo 31, punto (ii);
4. delibera sulla sostituzione della Società di Gestione ai sensi dell’articolo 16;
5. delibera sulle proposte della Società di Gestione e su ogni altro oggetto che venga attribuito alla sua competenza dal Regolamento;
6. delibera sulle proposte della Società di Gestione in merito all’eventuale Periodo di Proroga di cui all’articolo 1.4.

L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta delle Quote degli Investitori intervenuti e, in ogni caso, con il voto favorevole di almeno il 30% (trenta per cento) del valore di tutte le Quote in circolazione, eccezion fatta per la delibera sulla sostituzione della Società di Gestione, ai sensi dell’articolo 16, che può essere assunta solo con il voto favorevole di almeno il 75% (settantacinque per cento) del valore di tutte le Quote in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 3 (tre) a 5 (cinque) membri, nominati dal Consiglio di Amministrazione della SGR, che ne determina il numero dei componenti. I membri del Comitato Consultivo sono scelti tra persone di specifica e comprovata competenza nelle materie che sono trattate dal Comitato medesimo, quali, a mero titolo esemplificativo, gli aspetti immobiliari, finanziari, fiscali, economici e legali connessi all’attività del Fondo. In caso di cessazione di un membro del Comitato Consultivo la sua sostituzione avverrà con delibera del Consiglio di Amministrazione della SGR.

I membri del Comitato Consultivo restano in carica per tre anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto della gestione del Fondo relativo all'ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili.

Il Comitato Consultivo è chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere, obbligatorio e vincolante, in merito alle operazioni nelle quali la Società di Gestione abbia un interesse in conflitto. Inoltre, su richiesta del Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione, il Comitato Consultivo può altresì fornire un parere consultivo al Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione su scelte della stessa diverse da quelle connesse con singole operazioni di investimento.

Informazioni

N°13

Real Stone

Il Fondo investe prevalentemente in centri direzionali, residenziali, turistico alberghieri, polivalenti e del terziario in genere, costituiti da una o più unità immobiliari e/o aree da edificare a destinazione commerciale. Gli immobili possono essere costruiti, completati o da ultimare, convertire o ristrutturare con criteri di omogeneità.

Equity attuale
€ 52,1 milioni

Val. nom. quota
€ 250.000

informazioni generali

Il Fondo Real Stone è stato istituito ai sensi del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n.58, con delibera del consiglio di amministrazione del 27 giugno 2008 che ha contestualmente approvato il regolamento. Tale regolamento è stato successivamente approvato dalla Banca d’Italia con autorizzazione del 23 dicembre 2008.

gli obiettivi

Rendimento obbiettivo a scadenza del Fondo pari a 8% (IRR vita intera del Fondo). Il Fondo, che investe in Italia con preferenza nel Nord Est, ha una strategia Value Added / Opportunistic ed è finalizzato alla costituzione di un portafoglio di immobili a sviluppo da terreno e/o ristrutturazione e relativa commercializzazione mediante vendita frazionata di unità, con prevalente destinazione residenziale e commerciale di supporto.

scheda tecnica

Forma Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso
Importo massimo € 40,4 milioni
Valore nominale quota € 250.000
Codice ISIN Classe A IT0004448004- IT0004447998
Classe B IT0004448012
Politiche di gestione Il Fondo investe prevalentemente in centri direzionali, commerciali, residenziali, turistico alberghieri, polivalenti e del terziario in genere, costituiti da una o più unità immobiliari e/o aree da edificare a destinazione commerciale.
Gli immobili possono essere costruiti, completati o da completare, convertire o ristrutturare con criteri di omogeneità.
Distribuzione dei proventi Essendo il fondo «ad accumulo», eventuali proventi sono accantonati e oggetto di distribuzione in sede di liquidazione del Fondo.
Rendimenti obiettivo Il Fondo si pone un rendimento obiettivo pari all’ 8%
Investitori Il Fondo è riservato ad investitori professionali e non professionali
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento E’ previsto il ricorso del Fondo all’indebitamento finanziario ai fini della propria operatività sino ad un livello massimo pari a 3, come definito dal Regolamento UE 231/2013.
Rischi Rischi imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente Il Punto Real Estate

Governance

Assemblea degli investitori

Possono intervenire nell’Assemblea degli Investitori gli Investitori che risultino titolari di Quote da almeno 5 (cinque) giorni prima della data dell’adunanza.
L’Assemblea:

1. elegge il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
2. revoca, per giusta causa, il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
3. delibera sulle proposte di modifiche del Regolamento di cui all’articolo 31, punto (ii);
4. delibera sulla sostituzione della Società di Gestione ai sensi dell’articolo 16;
5. delibera sulle proposte della Società di Gestione e su ogni altro oggetto che venga inderogabilmente alla sua competenza dal Regolamento;
6. delibera sulle proposte della Società di Gestione in merito all’eventuale Periodo di Proroga di cui al paragrafo 1.4.

L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta delle Quote degli Investitori intervenuti e, in ogni caso, con il voto favorevole di almeno il 30% (trenta per cento) del valore di tutte le Quote in circolazione, eccezion fatta per la delibera sulla sostituzione della Società di Gestione, ai sensi dell’articolo 16, che può essere assunta solo con il voto favorevole di almeno il 50% (cinquanta per cento) del valore di tutte le Quote in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 3 (tre) a 5 (cinque) membri, nominati dal Consiglio di Amministrazione della SGR, che ne determina il numero dei componenti. I membri del Comitato Consultivo sono scelti tra persone di specifica e comprovata competenza nelle materie che sono trattate dal Comitato medesimo, quali, a mero titolo esemplificativo, gli aspetti immobiliari, finanziari, fiscali, economici e legali connessi all’attività del Fondo. In caso di cessazione di un membro del Comitato Consultivo la sua sostituzione avverrà con delibera del Consiglio di Amministrazione della SGR.

I membri del Comitato Consultivo restano in carica per tre anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto della gestione del Fondo relativo all'ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili.

Il Comitato Consultivo è chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere, obbligatorio e vincolante, in merito alle operazioni nelle quali la Società di Gestione abbia un interesse in conflitto. Inoltre, su richiesta del consiglio di amministrazione della Società di Gestione, il Comitato Consultivo può altresì fornire un parere consultivo al consiglio di amministrazione della Società di Gestione su scelte della stessa diverse da quelle connesse con singole operazioni di investimento.

Informazioni

N°14

Real Emerging

È un fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso riservato ad investitori istituzionali e qualificati.

Equity attuale
€ 62,8 milioni

Val. nom. quota
€ 250.000

informazioni generali

Il fondo è riservato ad investitori professionali. E’ prevista la partecipazione anche a i non professionali qualora tali investitori sottoscrivano oppure acquistino quote del fondo per un importo complessivo non inferiore a 500 mila euro, partecipazione minima iniziale non frazionabile.

gli obiettivi

La strategia del Fondo è di tipo core, finalizzata alla gestione di immobili a reddito, con uso ufficio/ commerciale, ubicati nelle principali città dell’Europa Occidentale.

scheda tecnica

Forma Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso speculativo
Importo massimo € 62,8 milioni
Valore nominale quota € 250.000 (quote di Classe A) ed € 50.000 (quote di Classe B)
Codice ISIN Classe A IT0004211253- IT0004211246
Classe B IT0004211261
Politiche di gestione Il Fondo, nel rispetto della normativa vigente in materia, investirà in via prevalente in società quotate o non quotate aventi sede all’estero..
Oggetto di investimento da parte del Fondo saranno:
- strumenti finanziari quotati o non quotati nei mercati regolamentati, rappresentati da azioni, categorie speciali di azioni, o da obbligazioni convertibili, ovvero da altri titoli rappresentativi di partecipazioni minoritarie o di maggioranza;
- altri strumenti finanziari quotati o non quotati in mercati regolamentati (diversi dagli OICR: “Organismi di investimento collettivo del risparmio”), anche denominati in valuta estera, la cui percentuale nel Patrimonio del Fondo sarà determinata, tenuto conto dell’andamento dei mercati finanziari;
- OICR chiusi esteri; beni immobili, diritti reali immobiliari e partecipazioni in società immobiliari; depositi bancari;
- titoli emessi da stati dell’UE e da Enti sovranazionali o da questi garantiti e in altri strumenti finanziari di rapida e sicura liquidabilità.
Distribuzione dei proventi Sono considerati Proventi della Gestione del Fondo gli utili netti, generati annualmente, al netto delle imposte in vigore, con esclusione delle plusvalenze/minusvalenze, anche contabilizzate, ma non realizzate. Quando le condizioni di mercato lo consentono e giusta delibera dell’Assemblea degli Investitori, i Proventi sono distribuiti agli aventi diritto con cadenza annuale, comunque complessivamente in misura non inferiore al 60% del loro ammontare su base annuale.
Rendimenti obiettivo Il Fondo si pone un rendimento obiettivo pari al 10%.
Investitori Il Fondo è riservato ad investitori professionali e non professionali
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento E’ previsto il ricorso del Fondo all’indebitamento finanziario ai fini della propria operatività sino ad un livello massimo pari a 3, come definito dal Regolamento UE 231/2013.
Rischi Rischi imprenditoriali di operazione di sviluppo o di ristrutturazione/riconversione immobiliare a di trading, ciclicità del mercato immobiliare e rischi insiti nello sviluppo immobiliare, innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale, attività delle amministrazioni locali o di amministrazioni centrali o periferiche dello Stato Italiano, eventi specifici connessi alla conduzione degli immobili.
Valutatore indipendente Scenari Immobiliari S.r.l.

Governance

Assemblea degli investitori

Possono intervenire nell’Assemblea degli Investitori gli Investitori che risultino titolari di Quote di Classe A da almeno 5 (cinque) giorni prima della data dell’adunanza.
L’Assemblea:

1. elegge e revoca per giusta causa il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
2. delibera sulle proposte di modifiche del Regolamento di cui all’articolo 30, punto (ii);
3. delibera sulla sostituzione della Società di Gestione ai sensi dell’articolo 16;
4. delibera sulle proposte della Società di Gestione su ogni altro oggetto che venga inderogabilmente attribuito alla sua competenza dal Regolamento;
5. delibera sulla liquidazione anticipata del fondo.

L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta delle Quote degli Investitori titolari di Quote di Classe A intervenuti e, in ogni caso, con il voto favorevole di almeno il 30% (trenta per cento) del valore di tutte le Quote di Classe A in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 3 (tre) a 5 (cinque) membri, nominati dall’Assemblea degli Investitori, che ne determina il numero dei componenti. I membri del Comitato Consultivo sono scelti tra persone di specifica e comprovata competenza nelle materie che sono trattate dal Comitato medesimo, quali, a mero titolo esemplificativo, gli aspetti immobiliari, finanziari, fiscali, economici e legali connessi all’attività del Fondo. In caso di cessazione di un membro del Comitato Consultivo la sua sostituzione avverrà con delibera dell’Assemblea degli Investitori.

I membri del Comitato Consultivo restano in carica per tre anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto della gestione del Fondo relativo all'ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili.

Il Comitato Consultivo è chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere, obbligatorio e vincolante, in merito alle operazioni nelle quali la Società di Gestione abbia un interesse in conflitto, anche solo potenziale. Il Comitato Consultivo è altresì chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere non vincolante, in merito:

- alle operazioni di investimento/disinvestimento i) di importo superiore al 10% (dieci per cento) del NAV e ii) di importo superiore al 5% (cinque per cento) del NAV ove sia previsto il ricorso ad indebitamento bancario;
- all’eventuale revisione del business plan del Fondo.

Inoltre, su richiesta del consiglio di amministrazione della Società di Gestione il Comitato Consultivo può altresì fornire un parere consultivo non vincolante al consiglio di amministrazione della Società di Gestione su scelte della stessa, diverse da quelle connesse con singole operazioni di investimento.

Informazioni

N°15

Real Energy

Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso speculativo.

Equity attuale
€ 41,5 milioni

Val. nom. quota
€ 500.000

informazioni generali

Il Fondo investe in immobili destinati all’insediamento di impianti di generazione elettrica da fonte rinnovabile.

gli obiettivi

La strategia volta a selezionare gli investimenti con il miglior rapporto rischio-rendimento, predilige impianti fotovoltaici fissi a terra su terreni in proprietà o diritto di superficie.

scheda tecnica

Forma Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso speculativo
Importo massimo € 41,5 milioni
Valore nominale quota € 500.000
Codice ISIN Classe A IT0004447741 – IT0004447725
Classe B IT0004447782
Politiche di gestione Gli investimenti in beni immobili e diritti reali immobiliari avranno ad oggetto beni e/o diritti destinati alla produzione e commercializzazione diretta o indiretta di energia quali, a titolo meramente esemplificativo, impianti fotovoltaici, impianti eolici e/o di trattamento delle biomasse stabilmente infissi su terreni o su altri beni immobili e/o diritti reali immobiliari (tra cui diritto d’uso) nella disponibilità del Fondo. Tali impianti potranno essere già realizzati, eventualmente da completare e da ristrutturare/restaurare/mantenere, ovvero da realizzare ex novo.
Distribuzione dei proventi I Proventi sono distribuiti agli aventi diritto con cadenza tipicamente annuale. La distribuzione dei Proventi è deliberata dal CdA di SGR in misura non inferiore al 10% del loro ammontare su base annuale.
Rendimenti obiettivo Il Fondo si pone un rendimento obiettivo pari al 8%.
Investitori Il Fondo è riservato ad investitori professionali e non professionali
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento E’ previsto il ricorso del Fondo all’indebitamento finanziario ai fini della propria operatività sino ad un livello massimo pari a 3, come definito dal Regolamento UE 231/2013.
Rischi Tipici di ogni investimento diretto in capitale di rischio del settore di riferimento (fonti rinnovabili):
- variazioni degli schemi di incentivo, che rendano meno profittevoli gli investimenti già effettuati;
- carente realizzazione e/o underperformance tecnica degli Impianti, riducibile mediante idonei presidi contrattuali con i fornitori o garanzie;
- variazione dei prezzi dell’energia (conto energia fotovoltaico fino al 4°, ove la tariffa si aggiunge al prezzo di vendita dell’energia elettrica);
- rischio paese “Italia”, che sottende anche eventuali modifiche alle tariffe già assegnate, quantunque in violazione di fondamenti costituzionali.
Valutatore indipendente Eos Consulting S.p.A.

Governance

Assemblea degli investitori

Possono intervenire nell’Assemblea degli Investitori gli Investitori che risultino titolari di Quote da almeno 5 (cinque) giorni prima della data dell’adunanza.
L’Assemblea:

1. elegge il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
2. revoca, per giusta causa, il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
3. nomina i membri del Comitato Consultivo;
4. delibera sulla modifica delle politiche di gestione;
5. delibera sulle proposte di modifiche del Regolamento di cui all’ articolo 31, punto (ii);
6. delibera su nuove emissioni di Quote di Classe A;
7. autorizza l’utilizzo della leva finanziaria su base sostanziale;
8. delibera sulla sostituzione della Società di Gestione ai sensi dell’articolo 16;
9. delibera sulle proposte della Società di Gestione e su ogni altro oggetto che venga attribuito alla sua competenza dal Regolamento;
10. delibera sulle proposte della Società di Gestione in merito all’eventuale Periodo di Grazia di cui al paragrafo 1.5;
11. delibera sulla liquidazione anticipata del Fondo.

L’Assemblea delibera a maggioranza assoluta e, in ogni caso, con il voto favorevole di almeno il 30% (trenta per cento) del valore di tutte le Quote in circolazione, eccezion fatta per la delibera sulla sostituzione della Società di Gestione, ai sensi dell’articolo 16, che può essere assunta solo con il voto favorevole di almeno il 75% (settantacinque per cento) del valore di tutte le Quote in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da 3 (tre) a 5 (cinque) membri, nominati dall’Assemblea degli Investitori, che ne determina il numero dei componenti. I membri del Comitato Consultivo sono scelti tra persone di specifica e comprovata competenza nelle materie che sono trattate dal Comitato medesimo, quali, a mero titolo esemplificativo, gli aspetti immobiliari, finanziari, fiscali, economici e legali connessi all’attività del Fondo. In caso di cessazione di un membro del Comitato Consultivo la sua sostituzione avverrà con delibera dell’Assemblea degli Investitori.

I membri del Comitato Consultivo restano in carica per tre anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto della gestione del Fondo relativo all'ultimo esercizio della loro carica.

I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili. Il Comitato Consultivo è chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere, obbligatorio e vincolante, in merito alle operazioni nelle quali la Società di Gestione abbia un interesse in conflitto. Il Comitato Consultivo deve esprimere, in via preventiva, il proprio parere, in merito a:

1. business plan del Fondo e eventuali sue modifiche;
2. proposte di acquisizione e dismissione di beni di valore superiore a Euro 5 milioni;
3. approvazione delle proposte relative all’assunzione di nuovo indebitamento o di rifinanziamento dell’indebitamento del Fondo;
4. nomina di outsourcer i cui oneri siano superiori a Euro [25.000] per anno e siano a carico del Fondo ai sensi dell’articolo 8.1.5.

Informazioni

N°16

Alps Energy Re Fund

Il Fondo è un fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso.

Equity attuale
€ 35,6 milioni

Val. nom. quota
€ 100.000

informazioni generali

Il Fondo investe in acquisizioni di aree destinate all’insediamento di impianti di generazione elettrica da fonte rinnovabile, con un’ottica di diversificazione geografica e per fonte.

gli obiettivi

La strategia volta a selezionare gli investimenti con il miglior rapporto rischio-rendimento, predilige impianti fotovoltaici fissi, in proprietà o diritto di superficie, idroelettrici nonchè biogas da digestione anaerobica.

scheda tecnica

Forma Fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso
Importo massimo € 200 milioni
Valore nominale quota € 100.000
Codice ISIN Classe A IT0004940372
Classe B IT0004940398
Classe C IT0004940414
Politiche di gestione Gli Asset Immobiliari in cui il Fondo investe potranno essere già realizzati, eventualmente da completare e da ristrutturare/restaurare/mantenere, ovvero da realizzare ex novo, comunque funzionali all’attività di produzione di energia elettrica da Fonte Rinnovabile.
Distribuzione dei proventi I Proventi sono distribuiti agli aventi diritto con cadenza tipicamente annuale.
Rendimenti obiettivo Il Fondo si pone un rendimento obiettivo pari al 8%.
Investitori Il Fondo è riservato ad investitori professionali e non professionali
Collocamento Private placement
Ricorso all'indebitamento E’ previsto il ricorso del Fondo all’indebitamento finanziario ai fini della propria operatività sino ad un livello massimo pari a 3, come definito dal Regolamento UE 231/2013.
Rischi Tipici di ogni investimento diretto in capitale di rischio del settore di riferimento (fonti rinnovabili):
- variazioni degli schemi di incentivo, che rendano meno profittevoli gli investimenti già effettuati;
- carente realizzazione e/o underperformance tecnica degli Impianti, riducibile mediante idonei presidi contrattuali con i fornitori o garanzie;
- variazione dei prezzi dell’energia (conto energia fotovoltaico fino al 4°, ove la tariffa si aggiunge al prezzo di vendita dell’energia elettrica);
- rischio paese “Italia”, che sottende anche eventuali modifiche alle tariffe già assegnate, quantunque in violazione di fondamenti costituzionali.
Valutatore indipendente REA S.r.l.

Governance

Assemblea degli investitori

Possono intervenire nell’Assemblea degli Investitori gli Investitori che risultino titolari di Quote da almeno 5 (cinque) giorni prima della data dell’adunanza.
L’Assemblea degli Investitori:

1. elegge il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
2. revoca, per giusta causa, il Presidente dell’Assemblea degli Investitori;
3. delibera sulla modifica delle politiche di gestione;
4. delibera sulle proposte di modifiche del Regolamento di cui all’ articolo 30, punto (ii);
5. delibera sulla sostituzione della Società di Gestione;
6. delibera sulla quotazione;
7. delibera sulle proposte della Società di Gestione e su ogni altro oggetto che venga attribuito alla sua competenza dal Regolamento di gestione del Fondo.

L’Assemblea degli Investitori delibera a maggioranza assoluta e, in ogni caso, con il voto favorevole di almeno il 30% (trenta percento) del valore di tutte le Quote in circolazione, eccezion fatta per la delibera sulla sostituzione della Società di Gestione, ai sensi dell’articolo 15, che può essere assunta solo con il voto favorevole di almeno il 66% (sessantasei percento) del valore di tutte le Quote in circolazione.
Le eventuali proposte di modifica del Regolamento che possano avere l’effetto di pregiudicare i diritti dei titolari di una classe di Quote potranno essere assunte solo con il voto favorevole della maggioranza assoluta del valore di tutte le Quote di quella Classe in circolazione.

Comitato Consultivo

Il Comitato Consultivo è composto da un numero di 3 (tre) membri, di cui 1 (uno) membro nominato dal Consiglio di Amministrazione della SGR (salva sua facoltà di rinvio all’Assemblea degli Investitori), 1 membro nominato dalla maggioranza assoluta degli Investitori titolari di Quote B e 1 membro nominato dalla maggioranza assoluta degli Investitori titolari di Quote C. In caso di mancata designazione da parte dei membri di spettanza degli Investitori titolari di Quote B e/o Quote C, detti membri del Comitato Consultivo sono nominati dalla Società di Gestione che li individua tra soggetti in possesso di requisiti di indipendenza secondo quanto previsto dal Codice di Autodisciplina di Assogestioni e comprovata competenza in materia immobiliare, finanziaria, fiscale, economica o giuridica connessa all’attività e alle politiche di investimento del Fondo.

I membri del Comitato Consultivo restano in carica per tre anni e scadono alla data di approvazione della relazione di gestione del Fondo relativo all'ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato Consultivo sono rieleggibili.

Il Comitato Consultivo è chiamato ad esprimere, in via preventiva, il proprio parere, obbligatorio e vincolante, in merito alle operazioni nelle quali la Società di Gestione abbia un interesse in conflitto.

Inoltre, il Comitato Consultivo fornisce il proprio parere obbligatorio ma non vincolante su singole Operazioni di Investimento e/o Operazioni di Disinvestimento di un importo unitario superiore al maggiore tra il 25% del VCN del Fondo ed Euro 3.000.000 (tre milioni). Il Comitato può altresì fornire un parere consultivo al CdA su scelte della stessa diverse da quelle connesse con singole Operazioni di Investimento.

Informazioni

N°17

Urania

È un Fondo di investimento alternativo immobiliare di tipo chiuso riservato, avente destinazione di utilizzo prevalentemente ad uso commerciale

Equity attuale
€ 38,4 milioni

Val. nom. quota
€ 100.000

informazioni generali

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo centri commerciali e parchi commerciali, da commercializzare o detenere quale investimento a reddito, da sviluppare e/o completare, da riqualificare e da valorizzare in attività di trading. Il fondo investe anche in terreni edificabili e non edificabili. L’operatività del fondo è iniziata gennaio 2017.

gli obiettivi

Rendimento effettivo annuale pari al 7% annuo. Il Fondo ha lo scopo di investire e gestire professionalmente le proprie risorse al fine di favorire una crescita equilibrata e graduale nel tempo del valore degli investimenti.

scheda tecnica

Forma Chiusa
Importo massimo € 250 milioni
Valore nominale quota € 100.000
Codice ISIN IT0005211211 URANIA/CL A DIS NM
IT0005211229 URANIA/CL B DIS NM
Politiche di gestione Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo prevalentemente commerciale, quali centri commerciali e parchi commerciali, da commercializzare o detenere quale investimento a reddito, da sviluppare e/o completare/ristrutturare/riqualificare e da valorizzare in attività di trading.
Distribuzione dei proventi I Proventi realizzati nella gestione del Fondo saranno distribuiti per il loro intero ammontare agli aventi diritto con cadenza semestrale, intendendosi le frazioni di anno che vanno dal 1° gennaio al 30 giugno e dal 1°luglio al 31 dicembre di ciascun anno.
Rendimenti obiettivo 7%
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement / offerta pubblica
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Orizzonte temporale di lungo periodo oltre alla ciclicità del mercato immobiliare
Valutatore indipendente Colliers Real Estate Services Italia S.r.l.

Governance

Assemblea dei sottoscrittori

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Sottoscrittori tutti coloro i quali risultino titolari delle Quote da almeno 15 (quindici) giorni prima della data in cui si riunisce l’assemblea. Le Quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’assemblea.
L’Assemblea dei Sottoscrittori potrà deliberare e il suo parere sarà vincolante per la SGR sui seguenti temi:

1. sostituzione della SGR secondo quanto previsto nell’articolo 13.2. del Regolamento;
2. prolungamento della durata del Fondo, ivi inclusa la proroga di cui all’articolo 2.2;
3. modifica delle politiche di gestione, richiesta di ammissione a quotazione dei certificati rappresentativi delle Quote in un mercato regolamentato e modifiche al Regolamento diverse dalla sostituzione della SGR;
4. nomina dei membri del Comitato di Controllo e determinazione dei relativi eventuali compensi ai sensi dell’articolo 12.2. del Regolamento;.
5. liquidazione anticipata del Fondo;
6. l’apertura di Nuovi Periodi di Sottoscrizione;
7. le altre materie ad essa attribuite dal presente Regolamento.

Tutte le deliberazioni dell’Assemblea dei Sottoscrittori dovranno ricevere l’approvazione di tanti sottoscrittori che rappresentino almeno il 51% del valore delle Quote in circolazione.

Comitato di Controllo

Il Comitato di Controllo sarà composto da 3 (tre) o 5 (cinque) membri nominati dall’Assemblea dei Sottoscrittori. Il sottoscrittore delle Quote di Classe A ha il diritto di designare il Presidente del Comitato di Controllo.
I membri del Comitato di Controllo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato di Controllo sono rieleggibili. Nel caso in cui un membro del Comitato di Controllo rassegni le proprie dimissioni o cessi dalla carica per qualsiasi ragione, il CdA provvederà a convocare tempestivamente l’Assemblea dei Sottoscrittori che sarà chiamata a deliberare la sostituzione del componente o dei componenti dimissionari ovvero venuti meno.
Il Comitato di Controllo esprime il proprio parere (i) sulle operazioni in conflitto di interessi anche solo potenziale (nell’ambito di tali operazioni sono ricomprese anche quelle di cui agli articoli 9.8., 9.10 e 10.1. del Regolamento); e (ii) sulle altre materie ad esso attribuite dal presente Regolamento.
In materia di operazioni in conflitto di interesse, i pareri del Comitato di Controllo sono di natura vincolante per il CdA.

Informazioni

N°18

Leonida

È un Fondo di investimento alternativo immobiliare di tipo chiuso anche ad Apporto.

Equity attuale
€ 8,4 milioni

Val. nom. quota
€ 100.000

informazioni generali

Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo commerciale, direzionale, logistico, turistico alberghiero, residenziale/abitativo, sia a sviluppo che a reddito ovvero da valorizzare in attività di trading.

gli obiettivi

Rendimento obbiettivo (IRR) pari al 3% annuo.La partecipazione al Fondo è consentita agli Investitori Qualificati e alle categorie di Investitori che possono sottoscrivere, acquistare o detenere quote FIA riservati, ai sensi e con le limitazioni previste (anche in punto di ammontare minimo non frazionabile delle quote sottoscritte o acquistate, pari, per gli investitori diversi dagli investitori professionali, ad Euro 500,000), dal DM 30/2015.

scheda tecnica

Forma Chiusa, parzialmente ad apporto
Importo massimo € 150 milioni
Valore nominale quota € 100.000
Codice ISIN IT0005202939 LEONIDA/MISTO NM
Politiche di gestione Il Fondo investe in attivi immobiliari di qualsiasi tipo o natura aventi destinazione di utilizzo commerciale, direzionale, logistico, turistico alberghiero, residenziale/abitativo, sia a sviluppo che a reddito ovvero da valorizzare in attività di trading. Prevalentemente nei segmenti terziario, direzionale, logistica e servizi.
Distribuzione dei proventi I Proventi realizzati nella gestione del Fondo saranno distribuiti per il loro intero ammontare agli aventi diritto con cadenza annuale, in riferimento al 31 dicembre di ciascun anno.
Rendimenti obiettivo 3%
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Private placement / offerta pubblica
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi Orizzonte temporale di lungo periodo oltre alla ciclicità del mercato immobiliare
Valutatore indipendente Contea Valutazioni S.p.A.

Governance

Assemblea dei sottoscrittori

Sono legittimati a partecipare all’Assemblea dei Sottoscrittori tutti coloro i quali risultino titolari delle Quote da almeno 15 (quindici) giorni prima della data in cui si riunisce l’assemblea. Le Quote rimarranno indisponibili sino alla data dell’assemblea.
L’Assemblea dei Sottoscrittori potrà deliberare e il suo parere sarà vincolante per la SGR sui seguenti temi:

1. sostituzione della SGR secondo quanto previsto nell’articolo 13.2. del Regolamento;
2. prolungamento della durata del Fondo, ivi inclusa la proroga di cui all’articolo 2.2;
3. modifica delle politiche di gestione, richiesta di ammissione a quotazione dei certificati rappresentativi delle Quote in un mercato regolamentato e modifiche al Regolamento diverse dalla sostituzione della SGR;
4. nomina dei membri del Comitato di Controllo e determinazione dei relativi eventuali compensi ai sensi dell’articolo 12.2. del Regolamento;.
5. liquidazione anticipata del Fondo;
6. le altre materie ad essa attribuite dal presente Regolamento.

Tutte le deliberazioni dell’Assemblea dei Sottoscrittori dovranno ricevere l’approvazione di tanti sottoscrittori che rappresentino almeno il 51% del valore delle Quote in circolazione.

Comitato di Controllo

Il Comitato di Controllo sarà composto da 3 (tre) o 5 (cinque) membri nominati dall’Assemblea dei Sottoscrittori. Il sottoscrittore delle Quote di Classe A ha il diritto di designare il Presidente del Comitato di Controllo.
I membri del Comitato di Controllo restano in carica per 3 (tre) anni e scadono alla data di approvazione del rendiconto di gestione del Fondo relativo all’ultimo esercizio della loro carica. I membri del Comitato di Controllo sono rieleggibili. Nel caso in cui un membro del Comitato di Controllo rassegni le proprie dimissioni o cessi dalla carica per qualsiasi ragione, il CdA provvederà a convocare tempestivamente l’Assemblea dei Sottoscrittori che sarà chiamata a deliberare la sostituzione del componente o dei componenti dimissionari ovvero venuti meno.
Il Comitato di Controllo esprime il proprio parere (i) sulle operazioni in conflitto di interessi anche solo potenziale (nell’ambito di tali operazioni sono ricomprese anche quelle di cui agli articoli 9.8., 9.10 e 10.1. del Regolamento); e (ii) sulle altre materie ad esso attribuite dal presente Regolamento.
In materia di operazioni in conflitto di interesse, i pareri del Comitato di Controllo sono di natura vincolante per il CdA.

Informazioni

N°19

Rainbow

È un Fondo di investimento alternativo immobiliare di tipo chiuso riservato.

Equity attuale
€ 48,5 milioni

Val. nom. quota
€ 500.000

informazioni generali

L’operatività del Fondo è iniziata nel mese di maggio 2017 mediante l’apporto di un ampio complesso immobiliare a destinazione turistico e alberghiera, denominato Nova Yardinia, unitamente ad una estesa porzione di aree ove è programmata una vasta operazione di sviluppo e valorizzazione.

gli obiettivi

Il Rendimento Obbiettivo (IRR) è pari al 5.75% annuo. Il Fondo ha lo scopo di investire e gestire professionalmente le proprie risorse al fine di favorire una crescita equilibrata e graduale nel tempo del valore degli investimenti.

scheda tecnica

Forma Chiusa
Importo massimo € 75 milioni
Valore nominale quota € 500.000
Codice ISIN IT0005246506
Politiche di gestione Il patrimonio del Fondo è investito nei beni immmobili elencati nell'Allegato A del Regolamento, ovvero strutture turistico/alberghiere e terreni edificabili siti in Puglia, nonché nei cespiti immobiliari connessi, collegati e funzionali a tali Beni Immobili e alla loro valorizzazione e sviluppo, come previdto nel business plan del Fondo stesso approvato dalla SGR e come eventualmente modificato.
Le operazioni di valorizzazione e sviluppo immobiliare possono consistere, a fini meramente esemplificativi e non esaustivi, nel cambio della destinazione d'uso e/o nella rinegoziazione di contratti di locazione esistenti e/o nella connessione in locazione e/o nel frazionamento di più unità o lotti, acnhe al fine di procedere con la successiva rivendita singolarmente o a blocchi, previa locazione del medesimo o liberi.
I Beni Immobili parte del patrimonio del Fondo possono essere oggetto di interventi consistenti, nella loro riconversione, ristrutturazione, risanamento, restauro e/o recupero conservativo.
Distribuzione dei proventi Distribuzione annuale, determinata dal Consiglio di Amministrazione
Rendimenti obiettivo 5,75%
Investitori Istituzionali e qualificati
Collocamento Provate placement
Ricorso all'indebitamento Nei limiti della legislazione vigente
Rischi L'apprezzamrnto o il deprezzamento di valore del Patrimonio del Fondo è essenzialmente legato all'andamento ed alla volatilità del mercato immobiliare nonché alla qualità tecnica ed alla redditività dei beni immobili detenuti direttamente o indirettamente dal Fondo, i quali possono variare in funzione di diversi fattori tra i quali: la ciclicità del mercato immobiliare, eventi specifici connessi alla condizione degli immobili a reddito, (quali, ad esempio, morosità dei locatari, sfitti, esigenze impreviste di manutenzione straordinaria), andamento del mercato turistico della zona, delle presenze stagionali e dei tassi di occupazione delle strutture ricettive, in caso di sviluppi immobiliari, le innovazioni normative in materia urbanistica ed ambientale ed, in generale, di regolamentazione dell'attività edilizia e sull'utilizzo e godimento dei beni immobili nonché innovazioni della fiscalità in generale o specifica del settore.
Valutatore indipendente Arcadis Italia S.r.l.

Governance

Assemblea generale dei partecipanti

Tutti coloro i quali alla data dell’assemblea risultano essere in possesso di Quote hanno diritto a partecipare all’Assemblea Generale dei Partecipanti.
L’Assemblea Generale dei Partecipanti delibera sulle seguenti materie:

1. nomina e revoca del Presidente dell’Assemblea Generale dei Partecipanti, stabilendone gli eventuali compensi;
2. nomina e revoca dei membri del Comitato di Controllo, stabilendone gli eventuali compensi;
3. liquidazione anticipata del Fondo;
4. modifica del Regolamento, ivi incluse variazioni relative alle politiche di gestione del Fondo;
5. modifica del Termine di Scadenza del Fondo;
6. sostituzione della Società di Gestione con una Nuova Società di Gestione nella gestione del Fondo;
7. emissione di Nuove Quote con attribuzione od esclusione del Diritto di Opzione (come di seguito definiti);
8. piano di smobilizzo e sue modifiche sostanziali;
9. aumento della leva finanziaria rispetto a quanto previsto nell’ articolo 7;
10. scissione o fusione avente ad oggetto il Fondo.

L’Assemblea Generale dei Partecipanti delibera altresì sulle altre materie eventualmente previste dal Regolamento e dalle inderogabili disposizioni di legge.

Comitato di Controllo

Il Comitato di Controllo sarà composto da 5 (cinque) a 7 (sette) componenti nominati dall’assemblea generale dei partecipanti. L’elezione dei membri del Comitato di Controllo avverrà in via preferenziale da parte dei Partecipanti che detengono almeno il 15 % (quindici percento) delle Quote sottoscritte, i quali potranno nominare un singolo membro. L’elezione dei membri residuali avverrà sulla base di liste presentate dagli altri Partecipanti - per tali intendendosi i Partecipanti che detengono meno del 15% delle Quote sottoscritte e/o i Partecipanti che non hanno espresso il loro candidato in via preferenziale.
Il Comitato di Controllo esprimerà il proprio parere al Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione nei seguenti casi:

1. qualunque Operazione in Conflitto di Interessi di cui all’articolo 8 del Regolamento;
2. business plan iniziale a vita intera del Fondo e delle sue successive modifiche sostanziali, ove per modifica sostanziale si intende ogni modifica del business plan che comporti una riduzione dello IRR atteso della gestione del Fondo, come determinato nell’ultimo business plan approvato, pari o superiore alla soglia di 50 (cinquanta) punti base, fermo restando che tale soglia si intenderà superata anche per effetto di più eventi (tutti con valore inferiore alla soglia) che congiuntamente comportino il raggiungimento o il superamento della soglia stessa.
3. operazioni di investimento e disinvestimento rilevanti e diverse da quelle previste nel business plan a vita intera iniziale del Fondo come modificato, per tali intendendosi le operazioni il cui ammontare è superiore al 5% (cinque percento) dell’Ammontare Complessivo del Fondo;
4. riduzione dell’importo di Proventi Distribuibili che devono essere distribuiti, e distribuzione dei Proventi Distribuibili realizzati e non distribuiti nei semestri precedenti a quello per il quale si intende deliberare la distribuzione;
5. deleghe di gestione e il conferimento, la revoca o la risoluzione di contratto di outsourcing aventi ad oggetto la fornitura di servizi di property, facility e project management dei Beni Immobili;
6. negli altri casi previsti dal Regolamento.

Su richiesta del Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione o dell’Assemblea Generale dei Partecipanti, il Comitato di Controllo può fornire altresì il proprio parere al Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione su altri argomenti di rilevanza per la gestione del Fondo.
I pareri del Comitato di Controllo non sono vincolanti, con l’eccezione dei pareri di cui ai precedenti punti (i) e (ii), che sono vincolanti per il Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione. E’ altresì vincolante per il Consiglio di Amministrazione della Società di Gestione il parere del Comitato di Controllo di cui al precedente punto (iv) ogniqualvolta la SGR decida di ridurre in misura superiore al 15% l’importo dei Proventi Distribuibili da distribuire ai Partecipanti .